diabete e malattia parodontale

Diabete e gengive sanguinanti

Igiene orale, gengivite, gengive sanguinanti, malattie parodontali e prevenzione del diabete.

Numerosi studi hanno evidenziato che le persone diabetiche hanno una maggiore probabilità di soffrire di parodontite e, nei casi di controllo glicemico inadeguato, possono avere un peggioramento delle condizioni parodontali e rispondere alle terapie meno efficacemente rispetto a un paziente non diabetico. Ma qual è esattamente la relazione tra glicemia e gengive, quale nesso esiste tra diabete, gengivite e malattie parodontali, e perchè è importante effettuare controlli periodici del diabete? In un paziente che soffre di parodontite, i batteri presenti nel cavo orale, trasportati dalla circolazione sanguigna, possono raggiungere numerosi organi del corpo, innescando pericolose reazioni infiammatorie. Se il paziente è diabetico, vari mediatori quali radicali liberi e citochine possono aumentare significativamente l'infiammazione, anche a livello dei tessuti parodontali. Diventa allora fondamentale la diagnosi tempestiva di parodontite, per esempio non sottovalutando le gengive sanguinanti, che sono uno dei suoi primi sintomi, per predisporre, di conseguenza, una terapia adeguata con il proprio dentista, per ridurre significativamente le complicanze associate al diabete ed evitare l'insorgere di disturbi più gravi. La parodontite può addirittura concorrere all'origine e allo sviluppo del diabete in pazienti non diabetici. Può favorire infatti l'innalzamento dei livelli glicemici oltre la soglia di allarme. Il suo monitoraggio e la sua cura diventano quindi fondamentali per la prevenzione del diabete stesso.

“Cell-To-Cell Communication – Oral Health And Systemic Health: The Interlink Between Periodontitis And Diabetes. Supported by Sunstar. Produced by Quintessence International Publishing Group| iAS interActive Systems.

Influenza Reciproca.

Numerose evidenze scientifiche hanno constatato la relazione bidirezionale di diabete e parodontite. Identificare i pazienti che sono a rischio diabete è importante per prevenire e monitorare lo sviluppo della malattia parodontale. Rilevare la parodontite e trattarla per tempo può ridurre significativamente le complicanze del paziente diabetico.

Le persone con diabete hanno molta più probabilit�tà� di soffrire di parodontite e se il controllo glicemico è inadeguato possono avere un peggioramento delle condizioni parodontali e rispondere alle terapie meno efficacemente rispetto ad un individuo non diabetico. Viceversa la parodontite influenza sia il controllo che la progressione del diabete, ed in casi gravi può addirittura concorrere al suo sviluppo: può favorire l’innalzamento dei livelli glicemici in chi ha già il diabete ed è in grado di peggiorare il controllo della glicemia anche in chi non è diabetico.

Come si influenzano.

In presenza di parodontite: i batteri nocivi del cavo orale, attraverso la circolazione sanguigna, sono in grado di raggiungere numerosi organi del nostro corpo, innescando pericolose reazioni infiammatorie a livello sistemico. In presenza di diabete, vari mediatori quali radicali liberi e citochine possono aumentare significativamente l’infiammazione, anche a livello dei tessuti parodontali. Il professionista dentale riveste quindi un ruolo importantissimo: gestire l’infiammazione con un’adeguata terapia parodontale rappresenta un supporto fondamentale per aiutare il paziente a mantenere sotto controllo i livelli glicemici, che a sua volta possono favorire un miglioramento dello status parodontale.


e scopri di più sul legame tra malattie gengivali e salute generale
cosa può fare l'odontoiatra nel suo studio dentistico ?

L’implicazione nella pratica clinica dello studio dentistico.

E’ importante identificare, tra i pazienti che frequentano lo studio, coloro che sono affetti dal diabete: informarli sulla relazione con la malattia parodontale ed impostare un adeguato piano di trattamento nonché di sensibilizzazione ad un’accurata igiene orale domiciliare. Tuttavia, molti pazienti potrebbero non sapere o non aver ancora ricevuto una diagnosi di diabete; in questo caso il professionista dentale può aiutare a valutare il rischio di diabete, presente o di possibile sviluppo, con un semplice questionario di auto-valutazione, a cui far seguire esami e visite specialistiche.

Diabete, punti chiave (1,2)

Identificare i pazienti che sono a rischio diabete è un punto chiave per prevenire e monitorare lo sviluppo della malattia parodontale. Una diagnosi precoce ed un adeguato trattamento possono ridurre significativamente le complicanze del diabete.

387 MILIONI DI PERSONE SOFFRONO DI DIABETE

NEL 2035 SARANNO
592 MILIONI

LA MAGGIORANZA HA
TRA I 40 EI 59 ANNI

387 MILIONI DI PERSONE SOFFRONO DI DIABETE

TIPO 1

DISTURBI NELLA PRODUZIONE DI INSULINA

TIPO 2

USO INEFFICACE DELL’INSULINA DA PARTE DELL’ORGANISMO

DIABETE GESTAZIONALE

IPERGLICEMIA DURANTE LA GRAVIDANZA

DI ATTIVITÀ FISICA FREQUENTE E DI MODERATA INTENSITÀ CON UNA DIETA SANA

Diabete, punti chiave (1,4)

Identificare i pazienti a rischio di problematiche parodontali rappresenta un punto chiave per prevenire e monitorare lo sviluppo della malattia parodontale. Rilevarla e trattarla precocemente può ridurre significativamente le complicanze del diabete.

Malattia infiammatoria che colpisce le strutture,dure e morbide, di supporto del dente.

47.2%

degli adulti sopra i 30 anni sono affetti da una qualche forma di parodontite.

Il sanguinamento gengivale è molto prevalente tra la popolazione adulta di tutto il mondo

10% to 15%

adulti nel mondo hanno una malattia paradontale severa con profonde tasche parodontali (6mm e oltre)

La malattia parodontale aumenta con l’aumentare dell’età.

70.1%

di adulti sopra i 65 anni hanno la malattia parodontale.

GENGIVITE

Il primo stadio è la gengivite, dove la gengiva è rossa e gonfia. Un più avanzato e serio stadio è la parodontite.

PARODONTITE

Le gengive si ritirano dal dente distruggendo il tessuto di supporto. L’osso scompare ed i denti possono cadere.

Assieme all’infiammazione, vari fattori possono influenzare la gravità del malessere includendo:

piano di trattamento

Nel caso in cui
al tuo paziente non sia stato diagnosticato il diabete:

CHECK LIST DEI SINTOMI(3)

HAI NOTATO UNO DEI SEGUENTI SINTOMI NEL TUO PAZIENTE?

  • Gengive rosse, gonfie, che sanguinano e che tendono a ritirarsi
  • Ascessi gengivali e/o perdita di denti
  • Bocca secca, dovuta all’elevata concentrazione di glucosio nel sangue ed in grado di favorire la carie dentale
  • Infezioni dovute ad un maggiore sviluppo di batteri e funghi (in particolare del genere Candida)
  • Alitosi persistente o sapore sgradevole in bocca

Se il tuo paziente ha diversi sintomi tra quelli descritti sopra, potrebbe essere a rischio di diabete.

PERTANTO CHIEDI AL TUO PAZIENTE:

  • Le è capitato di urinare molto di frequente durante il giorno o la notte?
  • Si sente eccessivamente assetato o affamato?
  • Ha avuto un’eccessiva perdita di peso senza alcun particolare motivo?
  • Si sente più stanco o irritabile del solito?
  • La sua vista si è offuscata ultimamente?
  • In caso di ferite, le è capitato che impiegassero più tempo a guarire?

Se la risposta è si a diverse della domande precedenti, chiedi al tuo paziente di compilare

la seguente check list:

3) Chapple ILC, Genco RJ. Diabetes and periodontal diseases: consensus report of the Joint EFP/AAP Workshop on Periodontitis and Systemic Diseases. J Clin Periodontol 2013; 40 (Suppl. 14): S106–S112 doi: 10.1111/jcpe.12077.

legami e complicanze
Ms Mayumi Kaneda, Direttore della Sunstar Foundation, simposio JSDEI Barcellona 2015

SUNSTAR

La Fondazione Sunstar è stata fondata nel 1977, quando l’allora presidente Sunstar, signor Hiroo Kaneda, divenne primo presidente dell’organizzazione. Lo scopo della Fondazione è quello di migliorare l’igiene orale presso il grande pubblico. Per più di tre decenni, la Fondazione ha promosso attivamente la salute dei denti attraverso molti tipi di attività. Gli sforzi della Fondazione Sunstar sono stati acclamati sia in Giappone che a livello internazionale per il loro impatto positivo sulla società.

Mr. Hiroo Kaneda,
CEO Sunstar e Fondatore della Sunstar Foundation

SUNSTAR, DA SEMPRE ATTENTA ALLA SALUTE GENERALE.

La missione di Sunstar è un impegno costante nell’aiutare le persone a migliorare la propria salute orale per una migliore salute generale. A sostegno di ciò, la Fondazione SUNSTAR (Osaka, 1977) è fortemente concentrata sulla ricerca dei legami fra malattia parodontale ed alcune importanti patologie sistemiche quali diabete, malattie cardiache, ictus e parti pretermine, per aiutare la classe medica ad arrestare o quanto meno limitare questa reazione a catena. Infatti, trascurando i disturbi gengivali, pericolosi batteri possono diffondersi in tutto il corpo, innescando una pericolosa reazione a catena che può causare complicanze per la salute generale.

SUNSTAR, pioniera in questa visione olistica del paziente, dedicava già nel 1997 importante attenzione all’argomento: Periodontal Diseases and Human Health: New Directions in Periodontal Medicine. Materiale presentato a Marzo 1997 al Sunstar-Chapel Hill Symposium, North Carolina. Nel 2002 il primo importante Convegno Internazionale organizzato dalla Fondazione sui legami tra salute orale e salute sistemica, tenutosi a Ginevra da cui è emerso che il sistema circolatorio può trasportare in tutto il corpo i batteri che non elimini dalla bocca, innescando pericolose reazioni infiammatorie.

Oltre 20 seminari fatti in tutto il mondo hanno visto esperti internazionali discutere sul legame tra malattia parodontale e diabete con lo scopo di incentivare la collaborazione tra i vari specialisti (parodontologi, igienisti, diabetologi, nutrizionisti), partendo dalla pratica clinica per raggiungere un approccio olistico del paziente. Il nostro ruolo in quanto società leader a livello mondiale per la salute orale, è quello di fornire i migliori prodotti per l’igiene del cavo orale con un’attenzione particolare alla prevenzione dei problemi gengivali.

Oltre 20 seminari fatti in tutto il mondo hanno visto esperti internazionali discutere sul legame tra malattia parodontale e diabete con lo scopo di incentivare la collaborazione tra i vari specialisti (parodontologi, igienisti, diabetologi, nutrizionisti), partendo dalla pratica clinica per raggiungere un approccio olistico del paziente.

Il nostro ruolo in quanto società leader a livello mondiale per la salute orale, è quello di fornire i migliori prodotti per l’igiene del cavo orale con un’attenzione particolare alla prevenzione dei problemi gengivali.